Chiudi

Projects

Contact

News

Let's connect
Contact

Vendita internazionale cose mobili: a fini giurisdizionali, il “luogo di consegna” è quello di recapito finale della merce, anche in presenza di clausola “franco stabilimento fornitore”.

Il Tribunale di Modena, accogliendo l’eccezione formulata dal nostro Studio, ha dichiarato il difetto di giurisdizione del Giudice Italiano in favore dell’autorità Spagnola, in merito alla domanda di pagamento avanzata dalla controparte italiana e relativa ad un contratto di compravendita di beni mobili destinati alla acquirente Spagnola, nostra Cliente.

In particolare, la controparte italiana, fornitrice, aveva radicato il procedimento in Italia, sostenendo che il Tribunale di Modena fosse competente giurisdizionalmente in virtù della presenza, nel contratto di compravendita mobiliare, della clausola “resa: franco stabilimento Sassuolo”.

Il Giudice Modenese, accogliendo la nostra tesi difensiva, ha invece affermato l’irrilevanza delle clausole “franco stabilimento”, ovvero FOB, CIF e FIO in relazione al momento determinativo del trasferimento della proprietà: le suddette clausole sono infatti riferibili “unicamente alle spese di trasporto e di carico e scarico e non implicano di per sè lo spostamento convenzionale del luogo di consegna”.

Di conseguenza, in ossequio a quanto sancito dalla giurisprudenza di legittimità regolatrice della fattispecie, “in tema di vendita internazionale di cose mobili, qualora il contratto abbia ad oggetto merci da trasportare, il “luogo di consegna” va individuato in quello ove la prestazione caratteristica deve essere eseguita e come “luogo di consegna principale” va riconosciuto quello ove è convenuta l’esecuzione della prestazione ritenuta tale in base a criteri economici – ovvia il luogo di recapito finale della merce, ove i beni entrano nella disponibilità materiale e non soltanto giuridica dell’acquirente”.

A prescindere dunque dalla presenza, in contratto, di clausole “franco stabilimento fornitore”, il Tribunale del luogo di consegna finale delle merci sarà quello giurisdizionalmente competente a conoscere delle controversie nascenti dal contratto, anche inerenti il pagamento della merce, ai sensi di quanto previsto dal Regolamento CE n. 44 del 2001.

Leggi la Sentenza del Tribunale Modena

 

Post a Comment