Chiudi

Projects

Contact

News

Let's connect
Contact

Si condivide il provvedimento emesso dalla Corte d’Appello di Bologna nell’ambito di un contenzioso seguito dallo Studio Legale Rebecchi e Barbieri

Si condivide il provvedimento emesso dalla Corte d’Appello di Bologna nell’ambito di un contenzioso seguito dallo Studio Legale Rebecchi e Barbieri, inerente l’accoglimento dell’istanza di sospensione della provvisoria esecutorietà di una sentenza che condannava la parte a rifondere somme in favore di un Fallimento.
L’ordinanza risulta particolarmente interessante in quanto, sul presupposto della “non manifesta infondatezza dell’appello”, di fatto va in controtendenza con l’orientamento che vede nell’obbligo per il Fallimento di accantonamento delle somme ex art. 113 L.F. fino al termine del contenzioso un motivo di rigetto della richiesta di sospensiva per assenza del “periculum in mora”.
In questa sede la Corte al contrario ha evidenziato che proprio la solidità dell’istituto di credito appellante fosse garanzia sufficiente ad escludere rischi per una futura eventuale azione esecutiva da parte del Fallimento in caso di conferma della sentenza appellata.

 

PDF – Provvedimento 1

Post a Comment